Obiettivi da cliccare

giovedì 7 aprile 2016

Tentacoli del web e lettura

Articolo pubblicato sulla Gazzetta del Sud del 6/04/2016

Con una media di tre presentazioni di libri a settimana, tredici biblioteche aperte al pubblico e numerosissime associazioni culturali che si legano al piacere per la lettura, la città bruzia sembra essere assolutamente in controtendenza rispetto a i dati Istat legati agli ultimi mesi, secondo i quali il sud legge meno rispetto ad ogni altra parte d’Italia. I valori percentuali indicati, ad esempio, registrano un 28,8% di lettori nelle regioni del sud, contro il 49,6 del nord ovest, che incarna il valore più alto di tutto il Paese. Leggere può aprire la mente, dare spunti per affrontare una conversazione, offrire l’opportunità di sapere qualcosa in più e regalare dei momenti di evasione dalla routine. Il fermento culturale legato alle presentazioni di autori e di novità editoriali in città, si traduce, quindi, nel fatto che i cosentini siano appassionati alla lettura? In realtà in base alla fascia d’età si legge per lavoro e studio o per diletto e,poi, la realtà è sempre più variegata rispetto ai numeri in cui viene composta per essere descritta in cifre. «Ho appena finito di leggere un libro – racconta Marco Cosentino, impiegato - mediamente leggo quattro o cinque libri all'anno per via degli impegni che ho, mentre prima leggevo molto di più». I giovanissimi e i bambini hanno in pratica infinite possibilità per svagarsi e spesso la lettura passa in secondo piano: «ho due figli di 8 e 14 anni – racconta Ludovica Capobianco, mamma a tempo pieno – sono molto attenta ai miei ragazzi e faccio letture che possano aiutarmi nel rapportarmi a loro. Cerco anche di stimolare il loro interesse verso i libri, in casa ne abbiamo molti, ma loro sono molto più attratti dalla tecnologia. Credo che crescendo le cose cambieranno, però, già il maggiore si sta appassionando di più alla lettura grazie anche ai suggerimenti degli insegnanti». In realtà la diffusione degli smartphone che regalano un’accessibilità illimitata ai contenuti altrettanto illimitati del web, fanno sì che siano sempre meno le persone che si affidano alla lettura per trascorrere il proprio tempo libero e per rilassarsi. «Leggere dei libri non rappresenta il mio passatempo preferito, ultimamente preferisco videogiochi o la visione di un film – racconta Francesco Didona, videoreporter – infatti ho letto qualche libro nelle vacanze di Natale, ma da allora non ne ho più aperto neanche uno». C’è anche chi nella lettura vede un fedele alleato, da scoprire e riscoprire: «Ho appena preso “Il piccolo principe” per rileggerlo e trascorrere così il mio tempo libero – dice Daniela Cairo, insegnante - non è la prima volta che mi accosto a questo classico, ma ero troppo piccola quando l'ho letto la prima volta e credo di non averne potuto cogliere al meglio il senso». C’è, poi, chi legge per essere sempre aggiornato sul lavoro: «leggo molto per lavoro e principalmente riviste scientifiche – racconta Gianfranco Gallo, dietista – non mi dedico ai libri per diletto perché nel tempo libero preferisco uscire o fare altre attività. In casa ho molti libri e ne sono sempre stato circondato, ma il dovermi continuamente aggiornare non mi fa venir voglia di leggere anche quando non devo farlo!».