Obiettivi da cliccare

martedì 21 giugno 2016

Progetto witty, interculturalità, lavoro e formazione

Articolo pubblicato sulla Gazzetta del Sud



Start-up, lavoro, occupazione, autoimprenditorialità, confronto e crescita: questi i punti chiave dell’esperienza italo-lituana nell’ambito del progetto “Witty – work, ideas, think – tank, youth” che si è tenuto all’Unical nel corso delle scorse settimane. Protagonisti dell’iniziativa nove ragazzi provenienti da Kaunas e nove ragazzi italiani, selezionati previa compilazione di un form-on line e di un colloquio che ha verificato la spinta motivazionale e il livello di conoscenza della lingua inglese. È stata l’Agenzia Nazionale Giovani all’interno del Programma Erasmus+ KA1 a ideare il focus che ha esplorato il concetto di occupazione giovanile in un ambiente informale e paritario. I partecipanti hanno portato la propria esperienza soggettiva come bagaglio culturale di base per aprire un dialogo e uno scambio sulle questioni relative al lavoro e all’occupazione, filo conduttore di tutte le attività. Il progetto si è svolto all'Unical e sia gli italiani che i lituani hanno potuto usufruire delle residenze Socrates, nel centro residenziale, circostanza che ha offerto a tutti di vivere uno spaccato della vita studentesca che si vive qui. Il settore dell’internazionalizzazione dell’università di Arcavacata non è nuovo a queste iniziative, sono, infatti, ben sessanta le nazionalità, riconducibili a tutti e cinque i continenti, a vivere nel campus, senza considerare le opportunità di integrazione e di crescita che coinvolgono gli iscritti di ogni dipartimento. Sulla scia del Witty partirà a luglio anche un altro progetto sempre rivolto al mondo del lavoro. Così come in altri piani di scambio culturale anche in questo caso sono stati molti i momenti di crescita che l’esperienza universitaria ha potuto offrire, e pure in quest’ultimo progetto sono stati molto vivi il dibattito e il confronto. I giovani partecipanti hanno discusso e analizzato insieme le loro esperienze di lavoro, la ricerca di un’occupazione, la situazione del mondo del lavoro in termini di occupabilità, imprenditorialità, acquisizione di competenze chiave e le modalità di ingresso nel mercato del lavoro. I due gruppi coinvolti, quello italiano e quello lituano, hanno svolto le loro ricerche sul campo in merito alle nuove tecnologie e all’autoimpiego affiancati da due facilitatori, Gabriella Dragani e Fortunato Greco che, orientandoli con metodi formali e informali, hanno seguito le esperienze di ciascuno e sostenuto il confronto diretto su ogni aspetto dello studio. Il progetto ha avuto un vero e proprio impianto sociologico e, infatti, il confronto non è stato favorito solo tra i partecipanti, ma anche verso l’esterno. I ragazzi hanno fatto delle ricerche sul campo, proponendo interviste a studenti e a imprese locali al fine di avere un risultato il più possibile vasto e al tempo stesso aderente alla realtà. Non si è trattato, tuttavia, solo di aspetti teorici o di una raccolta di dati statistici. Dal punto di vista pratico gli studenti hanno imparato, attraverso una serie di attività, a scrivere un CV efficace, ad affrontare un colloquio di lavoro in maniera adeguata e convincente e a sviluppare un’idea di business. Lo scambio ha avuto un impatto positivo per i giovani protagonisti e testimoni di esperienze che avranno aumentato il loro bagaglio di esperienze di vita sia gli stranieri che hanno vissuto usi e abitudini diverse dalle proprie, sia per gli italiani, che hanno condiviso le proprie abitudini con altri. Positiva sarà anche la ricaduta sul territorio in quanto i risultati saranno diffusi dalle due associazioni ai propri soci e alle comunità di origine dei partecipanti.