Obiettivi da cliccare

venerdì 11 ottobre 2013

Odi et amo

Editoriale Klichè n. 37
di Bruna Larosa

Odio e amore per il Sud d’Italia, la terra de I dimenticati di Vittorio De Seta, quelle regioni dopo Eboli, che il Cristo di Levi non vide perché si fermò prima; i paesi in cui Banfield rintracciò quelle basi morali di una società arretrata che pose a fondamento del familismo amorale. Odio e amore perché la terra verde dai riflessi viola di cui parla Repaci è la Calabria, la cultura umanistica di cui è intriso il Meridione è ciò che racconta Riccardo Muti quando gli si chiede della sua Puglia, mentre il lucano Carlo Alianello è colui che teorizza per primo una visione diversa dell’Unificazione d’Italia. “A vivere senza che nessuno ti voglia bene si diventa cattivi” afferma Théophile Gautier e il Sud tra crimini, disgrazie, incuria, disagio, incompetenza, abbandono, è abituato alla notorietà negativa e al disprezzo costante… C’è un giornalismo che racconta la cronaca nera e coglie a piene mani i fiori recisi della nostra terra; c’è, poi, un giornalismo che fa tesoro dei frutti arrivati con l’impegno, la costanza, la responsabilità e il sacrificio. Kliché guarda consapevole i fiori spezzati, ma coglie i frutti, affondando le sue radici nella positività di chi sa guardare oltre l’apparenza e, senza moine, lavora seriamente per realizzare i propri sogni.
Così, se anche da questo numero troverete Kliché rinnovato, scoprirete che non ha rinunciato alla sua essenza: quella forza positiva che lo lega indissolubilmente alla terra fertile e solare in cui nasce.


È ormai il momento di iniziare a sfogliare la rivista: la squadra di Kliché ha proposto idee frizzanti e dimostrato tanta voglia di far bene; un brio che spero raggiunga voi tutti attraverso i nostri articoli e vi accompagni nelle varie attività in queste terse giornate di sole.